linkedin
instagram

Contacts

Contacts

fadeline

+(39)  333 2873 351

mylab3d@outlook.com

p.iva  15209401007

+(39)  333 2873 351

mylab3d@outlook.com

p.iva  15209401007

15/01/2019, 07:38





 




Condivisione e concretizzazione del pensiero: l’espressione artistica dal principio fino alla concezione contemporanea

L’assioma per eccellenza relativo alla comunicazione è "semplice": non si può non comunicare. È difatti letteralmente impossibile non farlo. L’idea che ci riesca solo verbalmente è smentita fin dai tempi più antichi, ovvero quando gli esseri umani comunicavano tra loro attraverso sguardi, gesti e l’arte rupestre.

Nel corso dei millenni ovviamente l’arte, insieme alla comunicazione, si è evoluta. Mutando si è adatta agli usi e i costumi degli uomini in base ai vari periodi storici e lo stesso discorso vale per i progressi scientifici e tecnologici i quali, naturalmente, hanno contribuito a plasmarle. Per trasmettere le proprie sensazioni, le emozioni e gli stati d’animo e condividerli con le altre persone, da sempre, ci esprime con la pittura, la scultura, la musica, la letteratura, il teatro prima e il cinema poi e con le altre forme artistiche più e meno note.

Le arti visive si ineriscono in un contesto molto ampio e difficile da catalogare poiché comprende ogni espressione artistica il cui risultato sia in grado di tradursi in un oggetto reale, e, appunto, visibile. L’epoca nella quale viviamo è fortemente influenzata dalla cosiddetta cultura visiva ed è quindi comprensibile la grande rilevanza raggiunta dall’arte e dai media digitali.

Oggigiorno le ultime tendenze correlate all’interattività hanno dato vita a una nuova concezione dell’arte stessa e alle relative modalità di consumo e di fruizione. All’interno della macro-categoria delle arti visive contemporanee rientrano anche le performance (sempre più diffuse e coinvolgenti), le mostre interattive, la fotografia, body e video-art, l’happening, l’assemblage e la land art.

Il Tridimensionalismo è parte integrante delle micro-categorie sopracitate e continua ad assumere un ruolo sempre più importante nella vita odierna dell’uomo. Grazie al progresso tecnologico e ai relativi strumenti/meccanismi sempre più innovativi, come le stampanti 3D, non ci sono più confini in merito a ciò che può essere creato.

Fondamentalmente ogni cosa immaginabile è invero realizzabile. E in ogni campo: da quello medico a quello alimentare, da quello scientifico a quello edile senza dimenticare ovviamente quello artistico. Attraverso le arti visive è possibile, per tutti e non più per pochi eletti, dare forma alle proprie idee.

Un concetto, una volta trasformato in disegno, anche digitale, in poco tempo si trasforma in un oggetto osservabile nonché reale. Un prodotto che corrisponde alla propria manifestazione artistica di pensiero.

Il meraviglioso universo delle arti visive offre tale opportunità, ovvero quella di essere noi stessi artisti, capaci di creare un qualcosa in grado di rispondere sia ai gusti che alle esigenze. Siamo paradossalmente dinnanzi a una sorta di ritorno alle origini in chiave moderna: non si può non comunicare e allora si preferisce farlo esprimendo la propria personalità, sfruttando al meglio le potenzialità dei mezzi odierni a disposizione.

Averne di tanto innovativi consente di non porre limiti alla fantasia e alle molteplici modalità di espressioni artistiche. Ed è questo che le arti visive rappresentano. Incarnano difatti il concetto di libertà di pensiero abbinato a quello della realizzazione concreta. Ciò che immaginiamo, diventa tangibile. Diventa così un’estensione del nostro Io e di ciò che è contenuto al suo interno. È l’espressione di noi stessi. In sostanza, siamo noi.



1

designed_by_MyLab3d

Create a website